• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

Siviglia day #21

Oggi abbiamo preso la metro. Sì, per recarci presso l’altra Università presente in città (la Universidad Pablo de Olavide de Sevilla) abbiamo preso la L1 da Puerta Jerez fino all’ateneo, al limite estremo della città (3.50 euro andata e ritorno)

La metro è carina, stile periferia inglese, con le dopie porte per non avere il treno a portata di dito (metafora).

Piovigginava anche oggi, ma poco rispetto agli altri giorni. L’ateneo è grande, molto incentrato sullo sport e sull’ambiente inteso come “terra viva”. Ci sono tantissime facoltà e, accompagnate dal prof. Mariano Reyez, abbiamo fatto un tour tra Rettorato (incontrando un attimo il rettore, i vicerettori e lo staff di ogni dipartimento) e dipartimenti didattici.

Molto interessante la loro divisione del lavoro e la presenza massiccia di donne. La mensa, poi, è in due grandissimi padiglioni ed ha la cassa automatizzata. Carina scelta tecnologica per evitare confuzioni e spiccioli mentre si consegnano i pasti.

La Biblioteca è molto estesa ed ha immensi spazi comuni.

Una bella università che ha al suo interno il campus col dormitorio, una banca e tanti altri servizi per gli studenti, molti dei quali americani.

Come struttura è forse un po’ troppo nuova, ma sono scelte dettate dai tempi e dai luoghi.

Di ritorno dopo pranzo, abbiamo fatto rotta alla nostra università, per studio e ricerca.

Al buio…fa ancora più caldo…

Un guasto a un cavo che alimenta il centro di Napoli, ha determinato un black out in una vasta zona del capoluogo partenopeo. La causa del guasto e’ in via di accertamento. La zona interessata e’ densa di uffici ed enti pubblici, oltre che di attivita’ commerciali. Sull’ospedale Loreto Mare e sulla Prefettura si e’ intervenuti immediatamente attivando una linea alternativa. Per buona parte della mattinata e’ rimasta al buio, invece, l’universita’.

Massimo Colella vince nella sezione universitari del Premio Certame Bruniano

Roberta Granato, infatti, del Liceo “Lanza” di Foggia si è aggiudicata il primo premio di duemila euro del IX Certame Internazionale Bruniano. Mentre il primo premio di mille euro, riservato alla sezione universitari, è andato a Massimo Colella, di Forio d’Ischia, dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

“Sono molto felice per questo risultato – ha sottolineato Massimo Colella – in particolare sono felice di questa ennesima esperienza importante che ho avuto la possibilità di realizzare grazie al certame bruniano”.

Quest’anno il certame ha avuto la felice combinazione dell’abbinamento con l’anteprima della Biennale Bruniana e si è arricchito di iniziative ed incontri.

Al SuorOrsola Benincasa di Napoli

Laurea Magistrale Honoris Causa in Scienze dell’Educazione a Edgar Morin   
Lunedì 1 dicembre 2008 Aula Magna, corso Vittorio Emanuele, 292 ore 11,00 Suor Orsola Benincasa sarà conferita la laurea ad un grande sociologo: Edgar Morin.

Ecco chi interverrà (fonte unisob.na.it):

Salutatio
Francesco De Sanctis

Laudationes
Lucio d’Alessandro
Oscar Nicolaus

Lectio
Edgar Morin
I sette saperi per un’educazione al futuro

Per motivi di ordine organizzativo la partecipazione all’evento era da confermare entro il 24 novembre all’Ufficio Attività Culturali.

Grande movimento quindi domani presso la mia università. Chissà se riuscirò a vedere dal vivo (anche se da lontano) l’uomo che tanto ho studiato in un triliardo di esami 🙂

Napolitano alla mia Uni :-)

E non manca di rimarcare che non sono tutti rifiuti campani…. che ne prendano atto!!!!

NAPOLI – La camorra è responsabile di molti traffici compreso quello dei rifiuti tossici, ricorda il presidente della repubblica Giorgio Napolitano sottolineando che questi rifiuti insalubri “in gran parte sono arrivati dal nord, ne sia consapevole – ha aggiunto – l’opinione pubblica delle regioni del Settentrione”. Ai cittadini della Campania invece Napolitano fa osservare che nell’attuale situazione non è minacciata solo la salute di un quartiere ma di “milioni di cittadini”. E la soluzione “consiste nell’estirpare la criminalità e nell’eliminare la piaga dei traffici camorristici riprendendo la strada per creare le condizioni per un ordinato ciclo di smaltimento con soluzioni urgenti e non più rinviabili”. Napolitano e’ a Napoli per intitolare un’aula della scuola di giornalismo del Suor Orsola Benincasa a Giancarlo Siani, giornalista del Mattino ucciso dalla camorra nel 1985.

Il presidente della Repubblica assicura che non solo per l’emergenza rifiuti ma anche per sconfiggere la camorra “la magistratura sta facendo e farà la sua parte dando il suo contributo alla definizione e alla realizzazione di misure urgenti”. Lo ha detto all’istituto suor Orsola Benincasa in un intervento a braccio, assicurando che si spenderà personalmente presso il governo e il Csm per dotare i magistrati dei mezzi necessari.

Napolitano chiede ai campani “comprensione e disponibilità” per affrontare l’emergenza dei rifiuti “con gli opportuni chiarimenti ma senza smarrire mai il senso dell’urgenza e della legalità, nel modo più assoluto”.

Paolo Siani, fratello del giornalista Giancarlo Siani, definisce “una grande vittoria la presenza del capo dello Stato”. Giungendo alla cerimonia, il fratello maggiore di Giancarlo, ha detto ai giornalisti: “E’ un segnale positivo la presenza di Napolitano”. Ad una giornalista che gli ha chiesto quanto abbia contribuito la diffusione del libro di Roberto Saviano, Siani ha replicato: “Per 23 anni abbiamo detto queste cose nelle scuole. E’ da tempo che parliamo della camorra e di questi temi”.

Dott. House “cavia” universitaria

Già un gruppo di filosofi italiani aveva deciso (e poi l’ha fatto) di pubblicare un libro sul fenomeno “Dott. House” nella società italiana: La filosofia del Dr. House. Etica, logica ed epistemologia di un eroe televisivo.

Premetto che House è uno dei miei telefilm preferiti… ma davvero credevo in uno scherzo allucinatorio quando oggi ho cliccato sul sito della mia università (studio Scienze della Comunicazione presso il Suor Orsola Benincasa di Napoli) e ho trovato tra le news questo avviso:

AAF – Il caso Dr. House. Tra cambiamenti organizzativi e rappresentazioni mediatiche: analisi del pianeta salute

Laboratorio – AAF da 3 CFU per 25 studenti
(II, III anno e fuori corso)

Misantropo, cinico, politicamente scorretto, eppure geniale nella modalità dei suoi approcci terapeutici, Gregory House è il protagonista del discusso medical-drama Dr.House M.D.

Come possiamo spiegare il grande successo di un medico che sovverte le ‘regole’ della comunicazione? In che modo il sapere medico viene rappresentato, e in parte trasformato, nello spazio pubblico mediatizzato della televisione? E quali le “emergenze” di comunicazione che rileviamo, ad oggi, nel pianeta salute?

Per rispondere a questi interrogativi i partecipanti approfondiranno tematiche relative alla comunicazione pubblica della salute, ai ‘communication e media studies’, e sperimenteranno strumenti metodologici di analisi qualitativa della fiction, per “leggere” il prodotto audiovisivo e rilevare come la rappresentazione mediale ‘racconti’ la complessità del pianeta salute.

Gli studenti interessati possono rivolgersi allo sportello studenti (II piano sig. Di Nola) dal 29 febbraio ed entro e non oltre il 28 marzo 2008 muniti di stampa del piano di studi.

Tale laboratorio potrà essere inserito al posto di un’altra attività formativa sempre da 3 CFU (TAF / F).

Incredibile, il mio  mitico House diventa (anche in Italia) una “cavia” universitaria.. però che idea…peccato che io abbia già collezionato i CFU per AAF e non lo seguirò…