• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI
  • Annunci

Briglie

image

Qualche giorno fa sono stata in giro per il noto comune termale isolano…   tralasciando le ovvie considerazioni che potrebbero scaturire anche solo da una superficiale occhiata al panorama naturale e umano delle stradine comunali (e non) piccoli dettagli catturano la mia attenzione, piccole immagini che rielaboro inevitabilmente in una dimensione mia mista e composita. Ecco, come si puo’ solo pensare di imbrigliare una storica campana esterna di una chiesa con i festoni della festa patronale? Eppure si fa. E la campana resta così lì congelata nel suo movimento che dovrebbe essere naturale e familiare. Un po’ come quando ci si alza dal lato sbagliato del letto e ci si sente stretti, imbrigliati in qualcosa che non capiamo cosa sia. Qualcosa che spesso non dipende nemmeno da noi stessi. E cerchiamo di risollevarci ma non ce la si fa.   Basterebbero un paio di buone forbici a liberare il tutto. Un taglio che non deve essere visto come rottura, ma come una liberazione, una riconquista di sé senza la paura di perdere le persone care. Perché chi ci vuole davvero bene non sparisce e non giudica. Chi vuole davvero bene resta nonostante tutto e cresce insieme.

Annunci

Pioggia – terra – fango – disastro – e ora?

Ennesima tragedia annunciata… non è solo una frase fatta, purtroppo è realtà.

Ecco un raccolta di link da internet (i tg e i contenitori di news da ieri stanno effettuando ampi servizi in diretta da Casamicciola)

Ischia, il peggio è passato (la stampa)

Frana a Ischia, oggi scuole chiuse (ansa)

Frana ad Ischia: ancora quanti morti prima di dire basta all’abusivismo? (agoravox)

Le voci della disperazione (il mattino)

Attivo coordinamento soccorsi (ansa)

Photostory (ansa)

Una frana nazionale (affari italiani)

Foto, video e molto altro in diretta dall’isola (ischiablog   ultimora   ischiamondo)

Speriamo che tutto ciò porti finalmente a qualcosa di concreto… urgono provvedimenti seri

estratto dall’adnkronos

Pollice in alto anche a Ischia, capitale del termalismo europeo. Luogo di piacere psico-fisico e di ‘remise en forme’ abbinato al fitness e alla cosmesi. Come conferma all’ADNKRONOS Giuseppe Di Costanzo, presidente dell’Associazione. Termalisti dell’isola d’Ischia: ‘’Alla faccia della crisi, le nostra acque hanno aiutato ancora una volta gli italiani. E anche il tempo ci ha accompagnato’’, rimarca con soddisfazione partenopea.

‘’Abbiamo lavorato bene, all’inizio le prenotazioni sono state lente, ma negli ultimi giorni – spiega – abbiamo avuto tutti gli alberghi pieni. E sono ottime anche le prenotazioni per l’Epifania. La Calza da noi porta in regalo la tradizione della cure inalatorie e fangoterapiche’’. ‘’La nostra ricetta antistress – aggiunge Di Costanzo – è la bellezza del territorio e la qualità delle acque termali, unita all’offerta dei pacchetti, che vanno dai 50 euro al giorno ai 130. Sappiamo curare la gente dai tempi dei romani’’.

Quanto alla terapia più richiesta, a Ischia ‘’è boom di ‘docce emozionali’, che sono un mix di acqua termale filoforme e profumi aromatizzati’’. E ‘’la novità piace molto: in alcuni alberghi sono stati realizzati veri e propri percorsi con profumi di salvia, basilico e limoni. Uniti alla nostra acqua da leggenda – assicura Di Costanzo – è fonte di un benessere assicurato. E poi – sorride – a Ischia anche bere un buon caffè sotto il Castello fa tornare il bel tempo nel cuore’’.

Questa sera alle ore 21.00 presso i saloni delle Antiche Terme Comunali di Ischia

 

I ragazzi de La ghironda in “I te vurria vasà”

 

Stasera il concerto inaugurale della manifestazione che ci terrà compagnia per l’intero mese di ottobre, un cartellone avvincente [cartellone]realizzato dal M° Carmine Pacera, dal Comune di Ischia, Regione Campania, Azienda Turismo di Ischia e Procida e Associazione Albergatori di Ischia

 

Musica napoletana eseguita con mandolini, chitarre, fisarmonica e voci… una sala dall’acustica invidiabile… ecco gli ingredienti per una magica serata fatta di atmosfere e musiche che i ragazzi del gruppo vocale-strumentale “La Ghironda” proporranno questa sera ai tanti turisti e residenti che di volta in volta seguono i concerti di questo giovane, ma affermato, gruppo isolano.

L’attuale gruppo vocale strumentale “La Ghironda” è composto da giovani studenti isolani impegnati nello studio delle antiche tradizioni musicali napoletane e riescono con i loro concerti ad emozionare sempre più le platee composte prevalentemente da turisti e anche da molti residenti.

“Anche se la sala è un po’ piccola, sarà una serata unica e emozionante – come dice il M° Carmine Pacera – ma la location è adattissima al cartellone che presenteremo.”

Con gli strumenti della tradizione classica napoletana, mandolini, fisarmonica, chitarre e voci conducono gli spettatori in un favoloso viaggio della melodia napoletana. Saranno eseguite canzoni come Era de Maggio, Torna a Surriento, Spingole Francese, I te Vurria Vasà e tante altre dai testi che descrivono i nostri sapori come “a schiocca a schiocca le cerase rosse” “stu giardini e scure d’arancia” “dint a sti f’ronne e rose “… tutti sapori che ritroviamo nella nostra campagna e nella nostra vita quotidiana, nonché nei ricordi.

Lo spettacolo offerto è di una semplicità unica e si basa principalmente sulla capacità di essere gentili verso gli ospiti di casa nostra mettendo in luce le cose più belle con la massima spontaneità che ci distingue.

Il compito di far vivere una favolosa serata a Ischia ai numerosi turisti che interverranno è affidato ai giovani de “La Ghironda” che saranno capaci di ricreare nel lasso di tempo di una melodia, tutte quelle realtà che ci contraddistinguono ne mondo.

«Ringrazio – conclude il nostro amico Pacera – il Comune di Ischia per avermi concesso di programmare questi appuntamenti in uno dei luoghi più ricco di storia del nostro comune e spero che questi siano intergrati in una più ampia programmazione del comune di Ischia per la prossima stagione turistica.»

Appuntamento a questa sera, e a tutti i martedì del mese di ottobre, alle ore 21.00 per una serata diversa dalle solite, con la buona musica classica napoletana, l’arte dei bravissimi ragazzi del gruppo vocale strumentale “La Ghironda” e tante sorprese.