• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

Profili di isola

Non credo di dover aggiungere altro al titolo. Profili di isola. Passeggiare su una spiaggia che altro non è che uno dei profili della tua terra. E vedi il mare che colora e dona vita, che copre e ridefinisce la leggerezza della sabbia.

E’ Ischia.

Top Ten dei peggiori alberghi…. come poteva mancare Ischia….

Nicola da Bologna gli ha fatto causa, Paolo lo definisce una bettola, Francy scrive “meglio la galera a questo villaggio” e Saby consiglia a tutti di evitarlo. Con cinquanta recensioni negative contro nove sufficienti il villaggio vacanze Porto Ainu di Budoni, in Sardegna, si aggiudica il primo posto nella classifica dei dieci alberghi più sporchi d’Italia del 2010. A decretare l’infamante vittoria sono, come avviene già da qualche anno, i numerosi iscritti al sito TripAdvisor: la più grande comunità di viaggi al mondo intorno alla quale si riuniscono persone che lasciano commenti, spesso accompagnati da foto, su trasporti, strutture alberghiere e mete visitate. Nasce così, grazie a numerose cavie da hotel, una delle classifiche più temute al mondo.Hotel Center 2. Buona ripresa per il primo, anche se l’84% dei clienti non lo consiglia; pessima performance invece per il secondo che, nonostante l’apprezzata posizione centrale, viene definito un hotel da tre stelle sporco e vergognoso per una città come Roma. Sconsigliato dal 76% dei clienti e con quindici giudizi pessimi, al sesto posto c’è il villaggio Gioca in Birdi di Aglientu, Sardegna, mentre al settimo con giudizi che vanno da “quasi pessimo” a “ complessivamente positivo, se parti preparato”, si piazza l’hotel Terme Parco Eco di Ischia.

Ottavo e nono posto spettano ad altre due strutture della capitale: l’hotel Rubino e il Park Hotel Blanc et Noir. Volete sapere secondo Steve di Los Angeles qual è la differenza tra dormire al Rubino e dormire in strada? Centoventi euro, ovvero il costo di una notte in doppia. Prezzi troppo alti, servizi scadenti, muffa e scarsa pulizia anche per l’altro hotel romano che viene sconsigliato dal 90% dei clienti che lo hanno recensito

Il viaggio negli inferi degli alberghi italiani inizia dalla Sardegna: “Siamo arrivati il 28 agosto presso la struttura di Porto Ainu – spiega sul sito l’utente Muxmus che insieme a moglie e bambini ha visitato l’hotel nel 2009 – l’impatto è stato forte: spazzatura sparsa per il villaggio, anche nei pressi del germinal club, le stanze puzzolenti di muffa con sanitari che non scaricavano bene, le prese della corrente erano scoperte”. Insomma, un vero incubo quasi al pari del secondo hotel classificato. Si tratta del Repubblica Hotel di Roma (al terzo posto nella classifica 2009) e anche qui per capire le condizioni basta lasciare la parola a chi dice di averci dormito. Olympia è tornata a Washington da pochi giorni dopo aver trascorso con la famiglia una vacanza nella capitale, dormendo proprio nel centrale hotel. “La cosa migliore – spiega – è il sito internet”. Per il resto è un tripudio di “vecchio”, “rotto” e “sporco”.

Al terzo posto si piazza La Pace Hotel di Tropea e anche qui i commenti non mancano: “vergognoso”, “da evitare”, “ orrore in hotel”, “andate dovunque ma non qui”. Contestati dai clienti sono soprattutto il rapporto qualità prezzo e la pulizia. Al quarto e quinto posto troviamo altri due hotel romani: uno, il Nizza, era stato il vincitore della classifica 2009 e l’altro è la new entry

calendarietti 2010

E’ in arrivo un calendario tutto ”made in Italy” con i volti e soprattutto i corpi delle donne e degli uomini più belli d’Italia. Il nuovo calendario 2010 della rivista Ecco infatti, avrà come testimonial i 12 uomini italiani e le 12 donne italiani più belli e hot.

Un calendario per tutti insomma, uomini e donne amanti dei calendari hot con scatti mozzafiato che ritraggono tra gli altri Miss Grand Prix Calcio, Miss Grand Prix Fitness, Miss Grand Prix Benessere, L’uomo Ideale D’Italia e il Volto più Bello d’Italia.

Tra i protagonisti abbiamo Maurizio Pizzagalli, Mister Italia. 21 anni, moro, 1,84 cm, studente di scienze motorie a Urbino. Obbiettivo: diventare un attore famoso. Stesso scopo anche per Carlotta Maggiorana, 1,74 cm, mora, è Miss Gran Prix. Ha solo 17 anni e frequenta ancora il liceo, ma prende già parte all’Accademia Nazionale di Danza classica e ha già girato un film con attori del calibro di Sean Penn e Brad Pitt, Tree of Life.

Gli scatti sono stati realizzati a Ischia, luogo perfetto per degli scatti dai panorami e dalle spiagge da sogno. Il calendario di Ecco mette in mostra bellezze maschili e femminili da tutte le regioni italiane risaltando così il bello nostrano a tutto tondo.

Stesi al sole su “Ischia”

Dal 10 al 15 settembre la Marina di Porto Cervo si trasformerà in un vero e proprio centro wellness e benessere dove ospiti selezionati, possessori della Village Card, potranno vivere veri momenti di relax. Un’area esclusiva in una location d’eccezione, il Prestige Village Porto Cervo offre quanto di meglio e di nuovo esiste per il corpo e per lo spirito: piscine, idromassaggi, beauty specialist e massaggiatori saranno a disposizione per tutti coloro che sono alla ricerca del benessere per il corpo e per l’anima in location insolite e uniche.

All’interno di questa cornice, Dolcefarniente renderà ancor più esclusive le zone relax e wellness con nuove proposte di arredo appartenenti alla collezione outdoor outside&in. Per l’occasione, un layout ad hoc: per la zona water, chaise longue Formentera in tessuto sling e sdraio Ischia con schienale sia fisso che regolabile, mentre per la zona lounge divani Bahia, pouf Melange e tavoli Bilù, nuovo marchio che nasce come designer per Dolcefarniente e propone la progettazione di arredi modellati con materiali di base come i metalli. Le nuance di colori scelte sono in linea con le tendenze del momento: strutture bianche su sedute beige, impreziosite da cuscini personalizzati con ricami Dolcefarniente.

La collezione outside&in è realizzata in resina sintetica Viro, materiale ad altissime prestazioni, disponibile in 8 colorazioni: non teme l’umido né sbalzi di temperatura o raggi UV, è resistente al cloro e alla salsedine. I tessuti sono firmati Sunbrella, azienda leader nel settore, e resistono alle muffe, sono una protezione efficace contro i raggi UV e contro le macchie e hanno una tenuta ottimale contro l’acqua.

I prodotti Dolcefarniente sono caratterizzati dalla loro manifattura artigianale; sono realizzati negli  stabilimenti di Fano da mani di artigiani esperti che producono veri e propri pezzi unici. Tutti i prodotti sono forniti di certificazione Made in Italy grazie alla quale l’azienda garantisce certezza al consumatore sull’origine e sulla qualità. Inoltre, ciò che contraddistingue la produzione Dolcefarniente è la possibilità di realizzare prodotti su misura, adattandosi alle esigenze e alla personalità degli spazi sia indoor che outdoor.

Ricevuta sì…. ricevuta no…. ombrellone comunque…..

Evasori in spiaggia: a mettere sotto accusa i gestori degli stabilimenti balneari e’ l’associazione Contribuenti.it.Dall’analisi dei dati fiscali, dice il presidente Carlomagno, emerge che ‘sulle spiagge in 2 casi su 3 i gestori non rilasciano la ricevuta all’atto del pagamento’. Nella top ten degli evasori ‘marittimi’:Rimini, 71%, Ischia 70%, Positano 68%, Capri 68%, Riccione 67%,Forte dei Marmi 66%, Alassio 65%, Gallipoli 65%,Milano Marittima 64% e Taormina 62%.

Ischia nuova zelanda travel&leisure

su www.stuff.co.nz è stata ripresa la famosa guida Travel&leisure americana che riporta le mete turistiche più belle e non molto care. E tra le isole caraibiche e il Messico c’è anche Ischia con Hotel Della Baia a SanMontano, Lacco Ameno. Ecco l’estratto dell’articolo:

ISCHIA, ITALY

A$210 (NZ$242)

On the volcanic island of Ischia famous for hot springs and therapeutic mud near Lacco Ameno, sits the Hotel della Baia (Lacco Ameno; +39 081 986 398; http://www.negombo.it), a chic 21-room inn. An outdoor bar is surrounded by bougainvillea and lime trees; first-floor rooms’ garden terraces overlook San Montano Bay and a private beach. Negombo Park, located across the road, has 14 outdoor geothermal pools of varying sizes and temperatures, scattered over a rocky hillside.

WHAT TO DO Visit the Museo Archeologico di Pithecusae in Lacco Ameno. The museum houses ancient artefacts, including the Coppa di Nestore (mentioned in Homer’s Iliad), from the ancient Greek settlement of Pithecusae.

For the full list of 25 affordable beach resorts, visit www.travelandleisure.com.au.

I migliori giornali d’America parlano di Ischia grazie al Magazine Travel+Leisure

Crisi….Crisi….Crisi…. Basta accendere un secondo la tv e subito si sente parlare di crisi del settore turistico in Italia.

Troppe foto e filmati di cassonetti straripanti “sono state messe in giro” e hanno finito col sovrapporsi alle bellezze della nostra terra.

Ma per fortuna qui sulla mia bella isola verde (parlo ovviamente di Ischia) questo problemone munnezza non c’è, anzi è partita una funzionalissima raccolta differenziata “da far invidia a Principi Reali”.

E, sempre per fortuna, la promozione turistica va a gonfie vele (anche se gli albergatori stanno sempre a lamentarsi 🙂 ).

Ad esempio oggi surfing in Internet ho trovato il sito del Winston-Salem Journal, il quotidiamo del Nord Ovest della Carolina, che in un articolo intitolato: Il Magazine, travel and leisure, elenca le spiaggie più abordabili vicine e lontane cita, in paragone con la vicina (per loro che sono in America) Hawaii, anche il bellissimo Hotel La Baia di Ischia.

Tra parentesi sono anche riportati i prezzi… Hawaii 98 dollari a notte contro i 183 dollari a notte di Ischia, ma al nome della nostra isola è anche legato tutto il seguito wellness che deriva dalla natura vulcanica e termale.

Ecco cosa riporta l’articolo:

Hotel della Baia
Italy

Price: $183WHAT IT’S LIKE: On the volcanic island of Ischia—famous for its hot springs and therapeutic mud—and outside the small town of Lacco Ameno, sits the Hotel della Baia, a chic, secluded, 25-room inn. The outdoor bar is surrounded by bougainvillea and lime trees, and the garden terraces off the first-floor rooms overlook both San Montano Bay and a private sandy beach. Negombo Park, across the street, has 14 outdoor geothermal pools of varying sizes and temperatures, all scattered over a rocky hillside.WHAT TO DO: Visit the Museo Archeologico di Pithecusae (Corso Angelo Rizzoli; 39-081/900-356; pithecusae.it), in Lacco Ameno. The museum houses ancient artifacts, including the Coppa di Nestore (mentioned in Homer’s Iliad), from the ancient Greek settlement of Pithecusae. —Hannah Wallace.travel+leisure

E grazie al Magazine Travel + Leisure di Ischia stanno parlando, oltre al Winsotn Salem Journal, anche The Columbus Dispatch, Texarkana Gazzette, Slam Sports, USA Today, Pittsburg Post-Gazzette, The World