• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

Switch-off… mala Rai come al solito….

Da ieri lo switch-off nella provincia di Napoli: da ieri non vedo più la rai… ma è mai possibile che appena scatta l’innovazione tanto attesa mi compaiono camali RAI come RAI4, Rai Sport, RAiNews24, RAI Gulp… insomma ora vedo tutti i canali “nuovi” di mamma Rai e non vedo più i canonici Rai1,Rai2 Rai3… ma come è mai possibile?? siamo davvero alle solite con la Rai… io direi… basta canone!!!!

 

Ecco una serie di numeri verdi per le esigenze 😛

  • 800.022.000 del Ministero dello sviluppo economico dipartimento per le comunicazioni. E’ attivo dal lunedì al sabato esclusi i giorni festivi dalle ore 8.00 alle ore 20.00. Nei giorni 1, 2, 3 e 4 dicembre il call center sarà attivo dalle ore 8.00 alle ore 23.00. Al call center del Ministero delle Comunicazioni puoi rivolgere domande di carattere generale. Sono loro infatti che gestiscono la transizione alla tv digitale, ed hanno la situazione sotto controllo! Al Ministero puoi chiedere inoltre informazioni su come ottenere il contributo per l’acquisto del decoder.
  • 800.111.555 di RaiWay Call Center Tecnico per informazioni sulla ricezione e le frequenze Rai, attivo tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore 23.00. Se non vedi più i canali RAI, o il tuo antennista deve fare delle modifiche all’orientamento dell’antenna, questo è il numero giusto da chiamare!
  • 800.128.333 del Servizio Tutela Consumatori dell’Ente Regione Campania e delle associazioni di consumatori. Se vuoi avere informazioni sui prezzi di assistenza e sul costo equo dei decoder, puoi chiamare dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 14.

L’EUROFESTIVAL, l’Italia, la Rai e….

«Immaginatevi una grande festa dove ognuno porta la sua musica, nella lingua che preferisce. Una festa nella quale per entrare serve la tessera del club del quale tutti fanno parte. E tutti vogliono entrare alla festa, perchè ci sono ottantamila persone che guardano sotto al palco. E altre quattrocentomilioni che partecipano “virtualmente”, davanti alla tv, in diretta. In contemporanea. In tutta Europa. O meglio, in tutti i paesi che partecipano alla festa. C’è un vincitore, votato dal pubblico a casa, ma non è quello che conta. Conta esserci, portare la propria musica (non importa di quale genere, c’è perfino l’hard rock) e farla vedere all’Europa.
L’Eurofestival, o Eurovision Song Contest, da mezzo secolo è tutto questo e molto di più. Il concorso canoro organizzato dalla Ebu, l’ente cui afferiscono le tv di stato europee (e di qualche altro paese asiatico e africano) è la manifestazione non sportiva più seguita al mondo. Nel 2008 si è tenuta a Belgrado, in Serbia, dove 43 paesi si sono sfidati a suon di canzoni. Ha vinto il russo Dima Bilan, per la prima volta nella storia e dunque, secondo regolamento, nel 2009 la manifestazione sarà ospitata dalla tv russa, a Mosca.
L’Italia non c’era. La Rai fa parte della Ebu ma dal 1998 ha deciso di non partecipare più alla rassegna. Praticamente è l’unico paese europeo a non parteicipare fra quelli aventi diritto eccezion fatta per l’Austria e Monaco (fuori per loro scelta dal 2007 in protesta col sistema di votazioni ma pronte a tornare) e il Lussemburgo (la cui tv pubblica dipende da un’emittente privata belga). Nel 2008 si è iscritta per la prima volta persino la tv di San Marino, per metà finanziata dalla Rai.  Che invece fa la parte della secchiona asociale e resta fuori dalla porta, accontentandosi di Sanremo e dell’Isola dei Famosi.
Motivo? L’Eurofestival non fa abbastanza ascolto. E soprattutto: non sia mai che l’Italia vinca e debba organizzare l’anno dopo (in gran parte a spese proprie) l’edizione successiva. Sul fatto che non faccia ascolto la Rai è smentita dal fatto che nel 1997 – ultima partecipazione – il programma fece 3 milioni andando in onda in seconda serata (il fuso orario con l’Eire obbligò l’Italia allo start alle ore 22.15). Il problema è stato risolto: da qualche anno infatti  l’orario di riferimento sono le 21 centroeuropee e gli altri paesi si adeguano… Quanto alla vittoria  (l’ultima fu nel 1990 con Cutugno) e all’organizzazione a spese del contribuente, non si capisce perchè l’Italia debba essere più contenta che i suoi soldi vengano investiti ne “L’Isola dei famosi”  e simili piuttosto che in una vetrina per giovani talenti. Se poi si pensa che da qualche anno c’è spazio anche per la pubblicità e per tanti spot promozionali “per la promozione turistico-ricettiva” del paese organizzatore tanti quanti sono i paesi in gara….
Manca l’Italia, ci sono gli italiani. E le canzoni in italiano. Nel 2008 ce n’erano tre: Paolo Meneguzzi a rappresentare la Svizzera (che però è il suo paese…), una band di San Marino ed un duo rumeno che cantava in parte in italiano. Più un cantante italiano in gara con una band lettone. E c’era la musica italiana. Alle selezioni di San Marino c’erano fior di cantanti del nostro paese (qualche nome? Spagna, Meg, Patrizia Laquidara, L’Aura, Mietta,  Jalisse e tanti giovani: hanno preferito i MiOdio, una band locale e hanno fatto bene: così l’Italia impara), in Bulgaria c’era Gianni Fiorellino che non ce l’ha fatta per un pelo.
C’è la classifica, dicevamo. Ma chissenefrega. I MioDio sono arrivati ultimi. Ma stanno girando l’Europa con le loro canzoni e prima non se li filava nessuno: dicono che in Italia forse non diffonderanno nemmeno il disco, solo all’estero. L’attore che cantava una sorta gioca jouer spagnolo è arrivato sedicesimo. Ma il suo Chiki Chiki l’hanno ballato tutta l’estate in tutta Europa. L’Italia no. Da noi Eurofestival è una parola vietata. O almeno lo era fino a quando la Carrà nel suo Carràmba non ha cominciato a parlarne. E ad invitare i cantanti.
A novembre in Rai cambia l’aria. Forse la scelta della Raffa nazionale non è un caso.» 

written by ema lombardini for more click
 

 


Pino Daniele e il Suo Concerto

Grande, Grandissimo. Insomma in una parola: PINO.

 

Il concerto dell’8 luglio in Piazza del Plebiscito l’ho seguito su rai1 e sono rimasta davvero contenta.

 

Sorvoliamo sul fatto che hanno inserito la pubblicità proprio quando gli storici Vaimo hanno eseguito Anema e Core.

 

Ma che serata. Densa e davvero bella.

 

Ma il piacere più grande è stato sentire i fischi all’ingresso sul palco di Gigi D’Alessio (nessuno dei fan di Pino lo voleva sul palco quindi che pretendeva l’applauso???) quando, cantando Napule è, sono intervenuti gli ospiti.

 

E sentire anche il coro “te ne vai o no, te ne vai sì o no” quando Pino ha duettato con D’Alessio, che poverino non riusciva nemmeno più a cantare. E la Rai ha cercato di escludere l’audio dalla piazza, di alzare gli strumenti… poi ci ha inserito pure un’intervista della Carlucci… ma nulla, fortunatamente la contestazione si sentiva.

 

Ma avete visto l’occhiataccia che la Milly ha fatto al giornalista che ha rimarcato l’accaduto? Ma davvero credeva che a casa nessuno l’aveva sentita? Per fortuna stamattina tutti i giornali e siti internet riportano l’accaduto J

 

Cmq un grandissimo Pino, un po’ teso all’inizio ma che poi ha regalato davvero tante emozioni, duettando anche coi 50mila in piazza che ad ogni spacco lo acclamava con un tifo da stadio.

 

Non c’è niente da fare.

 

Napoli c’è. E c’è anche Pino

Alla “Dentone…”

Un’istanza all’Autorità per le garanzie nelle Telecomunicazioni per denunciare una violazione delle pari opportunità da parte di Rai e Mediaset nei suoi confronti: l’ha presentata Massimiliano Cordeddu, 32 anni, originario della Sardegna, annunciatore e conduttore di Ecotv (Canale Sky 906), che protesta perché nonostante le sue ripetute richieste, gli è sempre stato impedito di diventare un annunciatore tv, in quanto agli uomini è precluso diventare un ‘Signorino Buonasera’.

L’aspirante annunciatore attende ora di essere convocato dall’Auhority entro 30 giorni, come prescrive la legge 223 del 6 agosto 1990. In caso l’istanza venisse rigettata, Cordeddu ha annunciato: “Continuerò la mia battaglia proponendo ricorso al Tar del Lazio, creando così un precedente giuridico utile a chi voglia far applicare le pari opportunità in qualsiasi ambito lavorativo di esclusivo monopolio del gentil sesso”. Cordeddu ha inviato copia dell’istanza anche al ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna e al presidente della commissione di Vigilanza Mario Landolfi.

Pino Daniele “in missione” da Fiorello

Le mie figlie sanno tutte le vostre canzoni e non le mie….

 
Improvvisazione jazz con diversi brani a Viva Radio2
 

Show improvvisato a Viva radio2: Giuliano Sangiorgi, voce dei Negramaro, ha duettato con Pino

Daniele ospite inatteso. Il cantante napoletano si aggirava oggi a Roma per via Asiago e ha

fatto un’incursione a sorpresa nello studio di Viva Radio2. ‘Le mie figlie conoscono tutte le

vostre canzoni e le cantano sempre. E io dico ‘Ma le mie non le imparate?’, ha esordito Pino

Daniele. Pronta la risposta di Sangiorgi che, dichiarandosi fan di Pino, ha cantato alcuni suoi

successi.

Alle Falde del Kilimangiaro e Ischia

Nella puntata di oggi il reportage “Italia” è stato tutto dedicato a Napolie  dintorni, perchè la Campania è da visitare tutta, non è solo spazzatura (come ha detto la conduttrice Licia Colò) e non poteva mancare un passaggio nella mia bella ISOLA D’ISCHIA, per scoprire una Campania dalle tante meraviglie!!!  E di Ischia è stato mostrato quasi tutto in un veloce flash (in stile lavaggio del cervello): terme, mare, montagna e … il simbolo…. il fugo di Lacco Ameno …. si vede che il Castello era in revisione e non disponibile…..   🙂

Cmq è stata una bellissima pubblicità per tutta la Campania e moltissimo anche per ISCHIA!!!!!!

 

Thanks Kiss Me Kiss Me Licia!!!!

In Tv ora si cercano solo cantanti…è l’epoca delle cenerentole sonore

Dal 5 aprile in onda ‘Ti lascio una canzone’ 

(ANSA) – ROMA, 1 APR – Il nuovo programma di Antonella Clerici e’ ‘un omaggio alla grande musica leggera italiana’ affidato alle voci di giovani promesse canore. La Clerici si prepara a condurre ‘Ti lascio una canzone’, quattro puntate in onda su Raiuno da sabato 5 aprile, in diretta dal teatro Ariston di Sanremo. Per i protagonisti, tra i 10 e 15 anni, sara’ un’occasione per dimostrare che le canzoni piu’ belle hanno un valore anche per loro. Primo superospite sara’ Liza Minnelli, per cercare di battere la Corrida.

Ma che diamine…. tutti a cercare talenti musicali… Sulla stessa rete c’è X-Factor che cerca cantanti… poi c’è lo storico “Amici di Maria De Filippi” su mediaset… i vari “Canta e vinci” su rai1 e italia1…
Ma che è sta moda alla “canta che ti passa”?????

Tutti questo programmi sembrano poi essere un copia-copia infernale che stanca… qualcuno ci ha pensato?

Il canone Rai.. io già lo odio poi si comportano così!!!

Cellulari  e Pc nel mirino

Sono ancora incredula per quello che ho letto
“Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto. La presenza di un impianto aereo atto alla captazione o trasmissione di onde elettriche o di un dispositivo idoneo a sostituire l’impianto aereo, ovvero di linee interne per il funzionamento di apparecchi radioelettrici, fa presumere la detenzione o l’utenza di un apparecchio radioricevente.” Questo quanto previsto dal Regio decreto-legge 21.02.1938, n. 246 (G.U. 05.04.38, n. 78) – Decreto convertito in legge 04.06.38, n. 880 (G.U. 05.07.38, n. 150).
Certo è che la legge in questione appare assolutamente anacronistica vista l’evoluzione delle tecnologie in atto negli ultimi 30 anni. Rientrerebbero nel canone, secondo quanto previsto in termini generalissimi dal regio decreto, oltre alle tv, anche videoregistratori, modem, navigatori satellitari, videocamere, fotocamere digitali e videocitofoni, oltre ai chiacchieratissimi computer, purchè dotati di scheda video (vale a dire praticamente tutti!).
La goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso però è stata versata a Torino, dove numerosi solleciti del SAT (Servizio abbonamenti televisivi) sono stati recapitati nelle abitazioni di quanti, pur avendo disdetto l’abbonamento, erano in possesso di un “apparecchio atto alla captazione” delle frequenze raio-televisive, ossia computer e viedofonini. Missive dai toni perentori minacciano ormai da qualche mese gli utenti con paventati blocchi amministrativi delle auto e pignoramenti.
Non tutti i computer però sarebbero soggetti al pagamento del canone, secondo la lettera di sollecito di pagamento inviata negli ultimi mesi del 2007.  Stralciato infatti dalla consueta missiva di sollecito il riferimento ai computer riguarderebbe solo gli stranieri.
Leggendo infatti la lettera inviata, si nota che le parole “personal computer” sono sparite (rimangono invece i decoder digitali e altri apparecchi multimediali). Controllando bene sul retro della lettera, ricompare a chiare lettere l’invito ai detentori di un computer a pagare il canone in lingua inglese, francese, araba e cinese.
Che spetti solo ai computer stranieri in transito in Italia, a tutti i computer del Bel Paese o a nessuno di questi pagare il balzello non è dato saperlo, stando alle contraddittorie affermazioni rilasciate dallo stesso ufficio abbonamenti.
“Il canone televisivo – si giustifica la RAI – è una tassa che viene pagata allo Stato in base alla legge e che lo Stato poi riversa alla rai grazie al contratto di servizio. Le lettere che ingiungono di pagare il canone sono infatti firmate dal Sat (sportello abbonamenti tv) che dipende dal ministero dell’economia”.
Ma raccontatelo ad un altro!!

Uccidi un grissino e vince Di Tonno

E dopo undici anni dai Jalisse un’altra meteora vince SanRemo

così tenero che si spacca con un grissinoE’ incredibile constatare come sia distante SanRemo dall’Italia… beh, su internet i vari blog riportavano il ronostico della vittoria di Lola Ponce e Giò di Tonno, quindi non mi spiego tutto questo susseguirsi di post misti a stupore e incredulità.

Io concordo con la Mariolina Simone che ha detot che questo pezzo è bello ma non sarà richesto in radio… ma vi ricordate la prima sera che hanno cantato stì due le parole non si capivano affatto né la parte maschile né quella femminile?

Ma andiamo oltre. La “Simil Elisa” L’Aura non compare nemmeno tra le prime 10 e potrebe anche starci, ma dove lo hano visto Cutugno al quarto? E Max Gazzè con quella sua canzone sulla linea telefonica in stile spot “Aldo Ramones” dove è andato a finire? I miei preferiti Cammariere e Bennato almeno sono nella top ten, ma cavolo lontaissimi dal podio!

Meneguzzi poi, buono solo per la settimana del festival (voci metropolitane dicono che poi scade e va ricostruito) che ci fa al sesto? Con l’apetura del televoto verso i telefonini io credevo in un boom di voti per i Finley, i cecchettiani beneamini dei giovani che avrebbero potuto dilapidare le paghette in televoti, ed invece sono solo quinti…

Non ci capirò mai niente sulle classifiche di SanRemo.

Ma qualcuno ha spiegato a Fabrizio Moro che l’anno scorso ha visto pechè aveva un testo sulla mafia e ora con “amore fa rima con cuore” no poteva pretendere la luna? (anche qui il terzo posto è un mistero per me).

La Tatangelo truccata come una Klingon (ma chi cavolo è invidioso della sua relazione?!!?!) è no commet con il 10regalato da Emilio Fede… lo stesso Fede che poi ha dato 8 politico al mondo intero… ma sentite questa parodia dei fratelli sberlecchio io sto ridendo da 10minuti :oD

… e qui torna il discorso sulla qualità della giuria di qualità…. ma che c’azzeccano conduttori, modelle, ballerine, opinionisti? Forse l’unico che c’entrava era Boncompagni…

Ma poi sono tutti undicesimi???? e l’ultimo chi è??? voglio saperlo!!! 

Cmq ho trovato il festival molto più leggero delle altre edizioni, ho visto quasi tutte le serate per intero.

Un plauso va alla rai che con il servizio on line di www.rai.tv ha permesso a tutti di vedere il festival (era pure ora di aprirsi all’ on-web).

Su internet gira voce che il prossimo anno sarà Carlo Conti a condurre SanRemo… io spero in Elio e le Storie Tese, davvero eccezionali nel DopoFestival e simpaticissimi.

Intanto accendiamo la radio e vediamo ancora una volta se la classifica del festival è smentita…

Io sento molto la Bertè sulle frequenze radio… però anche i Frank Head spopoleranno assieme a Cammariere e BEnnato (ecco mi sono sbilanciata e ora farò la figuraccia…).

 Ps. nella song di Gazzé c’è un passo davvero carino…

Chiuderò la curva dell’arcobaleno
per immaginarlo come la tua corona,
e con la riga dell’orizzonte in cielo
ci farò un bracciale di regina…
ma se solo potessi un giorno
vendere il mondo intero
in cambio del tuo amore vero!
Sai, qualcosa tipo “cielo in una stanza”
è quello che ho provato prima in tua
presenza…
dicono che gli angeli amano in silenzio,
ed io nel tuo mi sono disperatamente perso.