• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI
  • Annunci

Bud Spencer in tv a ISCHIA!!!!

Bud Spencer torna sul set per Mediaset, nella serie tv “I delitti del cuoco”. Come anticipa il portale

cinemotore, l’attore napoletano sara’ un vecchio commissario che ha aperto a Ischia un ristorante. Nell’isola sarà raggiunto dal figlio, anche lui commissario, che grazie al padre riuscirà a risolvere i misteriosi casi che gli si parano davanti. Alla regia Alessandro Capone che gia’ lo ha diretto in passato (“Extralarge”)

A luglio come notizia circolava questa:

 09-07-2008: BUD SPENCER: IL FILM “UCCIDERE E’ IL MIO MESTIERE”, IL MEDIOMETRAGGIO “PANE E OLIO”, E ALTRE NOVITA’
 
Uscirà nelle sale cinematografiche tedesche, nella stagione invernale che sta per iniziare, il film “Mord ist mein geschaft liebling” (trad. letterale: “Uccidere è il mio mestiere, cara”) in cui Bud ha recitato come attore non protagonista. Non ci sono segnalazioni, per adesso, circa un’eventuale uscita del film anche in Italia.
Verrà invece probabilmemte trasmesso in una rete televisiva italiana, nei prossimi mesi, il mediometraggio già segnalato “Pane e olio” le cui riprese si sono ormai concluse.
Si parla infine anche di una fiction Mediaset dal titolo “I delitti del cuoco”, che vedrebbe Bud nel ruolo di un ristoratore investigatore: sono ancora completamente da decidere i soggetti e le sceneggiature, e pertanto le eventuali riprese non si terranno, previsionalmente, prima del 2009.

Forse avranno anticipato le riprese… ma qui ad Ischia il mitico BUDdone ancora deve mettere il suo PIEDONE 🙂

Annunci

Si pensa (finalemente) all’arresto per chi guida ‘mbriaco

Alcuni mesi fa il governo italiano ha varato una legge che prevede un ulteriore inasprimento delle sanzioni per chi guida in stato di ebbrezza. In particolare, è prevista una sanzione da 500 a 2 mila euro e se si provoca un incidente stradale la pena è l’arresto fino a due mesi, un’ammenda da mille a 4 mila euro e sospensione della patente da tre mesi a un anno. Se il tasso alcolemico è superiore a 1,5 grammi per litro, è previsto anche l’arresto fino a tre o a sei mesi e la sospensione della patente da sei mesi a due anni. Per chi si sottrae all’accertamento del palloncino, la sanzione è da 2.500 a 10 mila euro.

Pare però che queste misure non abbiano contribuito a ridurre il numero degli incidenti stradali dovuti al consumo di alcol. Ancora attuale il problema dei controlli su strada. Secondo i dati del Ministero dell’Interno e di quello dei Trasporti sono stati circa 800 mila i controlli antialcol effettuati nel 2007 da parte di Polizia Stradale e Carabinieri, quasi il triplo rispetto al 2006, nei primi tre mesi del 2008 se ne contano già circa 300 mila ma il traguardo dei 2 milioni di controlli programmati è ancora lontano. Secondo indagini del 2007 l’Italia presenta la più bassa percentuale di controlli su strada rispetto alla media europea: siamo a una percentuale di 2,3 controlli all’anno ogni 100 patentati. Gli automobilisti italiani “rischiano” di essere fermati una volta ogni 44 anni!

Infine, va ricordato che le sanzioni per l’alcol alla guida non sono limitate all’arresto: ci sono anche ammende da 500 a 6.000 euro, la sospensione della patente da tre mesi a due anni e la perdita di 10 punti e l’obbligo di sottoporsi a visita medica.

Poi però tutta quella “farsa” sul divieto ai nei patentati di guidare utilitarie, ma si concede di guidare SUV è tutto un caso a parte, nel quale non mi addentro perchè davvero non ci ho capito niente, per me è contro ogni regola… come pure il fatto che io possa guidare una autovettura con fino a 7 passeggeri oppure una auto potentissima e non posso poi portare un motorino oltre i 125cc. ASSURDITA’ ITALIANE

Si aggirava per la città con un panno sospetto…

… e dentro al testa insanguinata della madre!!!!

MADRID – Un uomo di 34 anni è stato arrestato ieri sera nella piazza centrale del comune di Santomera, nella provincia di Murcia (sud-est della Spagna) mentre camminava con la testa di sua madre avvolta in un panno sotto il braccio. Alla polizia Angelo Caroteno Macanas ha confessato di avere ucciso lo madre e di averla decapitata con un coltello.

Secondo la stampa locale, l’uomo fermato con la testa della madre in un panno sarebbe di origini italiane.

Alle forze dell’ordine, che lo hanno bloccato mentre si aggirava senza meta nella piazza principale del piccolo paese, ha dichiarato:”é la testa di mia madre”, ammettendo di aver ucciso la donna a coltellate nel bar a fianco alla tabaccheria che gli aveva comprato la madre.

Come direbbe Joker Jack Nicholson: un bacetto, un balletto, la testa di Batman dentro un sacchetto…

Mamma ho perso l’aereo, mi sono smarrito al Supermarket!?!

Nel paese dei tulipani, arrestato dagli agenti

Un taccheggiatore fa un colpo in un supermercato olandese, ma lascia una prova inconfutabile: il figlio dodicenne. E’ successo in Olanda. Il ladro, 45 anni, è entrato nel negozio per rubare un pacchetto di carne ma, scoperto da un commesso, è fuggito. Il figlio, rimasto indietro, è stato bloccato dalla polizia e ha dovuto dare le generalità del genitori agli agenti che lo ha subito rintracciato.

L’incredibile episodio è successo nella cittadina di Kerkrade. Commesso il furto, il ladro distratta si è lanciato in una rocambolesca fuga fuori del supermercato inseguito da un impiegato. Quest’ultimo si è gettato sul cofano dell’auto per fermare la corsa del malvivente. Il figlio è rimasto indietro.

La polizia ha rintracciato l’uomo attraverso il ragazzino, ma il padre in un primo momento si è rifiutato di andare a prendere il figlio minorenne scaricando la responsabilità sulla madre del giovane. Il distratto malfattore, ha dichiarato la polizia locale, si è poi consegnato alle autorità.