• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

Sicurezza stradale: dichiarazioni e azioni pratiche

crashHo ascoltato, mentre cenavo, uno stralcio dell’intervista fatta dalla giornalista di turno dell’emittente televisiva TeleIschia al sindaco di Forio Del Deo. In occasione delle manifestazione del Cierco è stata organizzata anche una conferenza riguardo, tra l’altro, la sicurezza stradale.

Ricordare che la nostra isola ha un tasso di incidenti stradali molto elevanto (tra le prime 5 località italiane, mi pare di aver sentito) fa schizzare alle stelle il livello dia ttenzione su questa tematica.

Ben vengano i controlli delle forze dell’ordine, il pugno duro sulle irregolarità, l’operazione “movida tranquilla” portata avanti dai Carabinieri e dalla Polizia.

Ben vengano i convegni e le campagne di sensibilizzazione, ma servono segnali forti.

Più che segnali, servono (damine se servono) azioni concrete e reali, che testimoniano l’attenzione vera verso il problema della sicurezza stradale.

Come ho ascoltato l’intervista al sindaco Del Deo, ho ascoltato, a suo tempo l’intervento da un esponente dell’amministrazione comunale foriana in occasione della presentazione del calendario di eventi natalizi.

E già in quel momento avevo maturato questa considerazione. Ma andando avanti con ordine, vi riassumo la dichiarazione fatta alla presentazione degli eventi del Natale a Forio: per il 31 dicembre, notte del cenone e del saluto del nuovo anno, non sono stati organizzati eventi in piazza per non creare concorrenza tra comuni (il senso era questo).

ALT. Rileggete. “per non creare concorrenza tra comuni”. Ciò significa che per non far “prendere collera” un’altra amministrazione comunale che ha organizzato l’evento di piazza, Forio fa un passo indietro.

Ora trasferite il concetto sul lato pratico della questione. Vi aiuto. Detto in soldoni, i residenti nel comune di Forio, se desiderano trascorrere un veglione di capodanno in piazza e salutare l’arrivo del nuovo anno in questo modo, dovranno mettersi al volante, raggiungere un altro comune, trovare posto e recarsi in piazza.

Vedete anche voi che c’è qualcosa che non quadra. Sembra  un dettaglio, ma in realtà, se esaminato, è il classico elefante nella stanza (concetto che ripeterò all’infinito ed è anche alla base del mio dottorato di ricerca): si parla di sicurezza sulla strada, specialmente in questi giorni di festa, da un lato, mentre dall’altro si dice chiaramente che bisogna mettersi al volante dopo una serata passata a mangiare e bere (il 31 dicembre è pericoloso a prescindere, stanchezza e abbuffate non sono un gran connubio per mettersi alla guida) per festeggiare in piazza se si vuole, ovviamente.

Non era meglio, tenendo alla salute dei propri concittadini, prevedere un evento in piazza, invece di far “migrare” automobili ed automobili per chilometri?

Pensiero troppo apocalittico? Non direi affatto, anzi, è un pensiero reale, una dimostrazione ragionata sul fatto che a parlar son bravi tutti, ma nei fatti pochi riescono.

 

Annunci

Le strade di Ischia “interessano”

vidNon è una novità dell’ultimo momento, non è assolutamente uno scoop… le nostre strade versano in uno stato più che pietoso.

Ovvio che, nell’epoca della condivisione spinta, i tanti turisti che arrivano sui nostri lidi immortalano dettagli che noi isolani ben conosciamo.

Ma c’è di più: l’immagine della nostra isola ne esce quanto mai ammaccata ed opaca, quando, su instagram video (tanto per citarne uno) troviamo un video di un tursita che sta soggiornando presso l’ostello foriano e che scrive: Italian driving might be the scariest thing I’ve ever experienced. Imagine the smallest crooked streets you’ve ever seen and going 40-50mph. Pedestrians are obstacles and stop signs are suggestions. Wish I had a better video. #ischia#italy#island#instagram#eurotrip#europe#backpacking

Tradotto, per grandi linee, dice: la guida in Italia è tra le esperienze più spaventose che ho mai vissuto. Immaginate le strade più strette e contorte che abbiate mai visto, percorretele a 40-50km orari. I pedoni sono ostacoli e i segnali di stop sono da considerare suggerimenti. Avrei voluto avere un video migliore.

Ok, quindi il turista in questione ha pubblicato un video (qui il link) di un breve tragitto in auto postandolo corredato di quelle considerazioni.

Sono davvero quelle immagini e quelle parole che vogliamo abbinare alla nostra isola?

Sveglia.

Sei comuni di cui uno impegnato anche nelle comunali… e l’affluenza oscilla….

Affluenza oscillante ed in linea con il resto del mondo europeo chiamato oggi alle urne

 

Barano  21.21%

Forio il 24,63

Lacco Ameno il 30.96%

Serrara Fontana il 24,25%

Casamicciola  57,43%

Ischia 30,39%

Affluenza alle urne… Ischia… isola…. 6 comuni….

Dopo 2 ore circa…. ancora dati parziali per le affluenze al voto… digitalizzazione sui generis….

 

Eccoli nel dettaglio:

Barano d’Ischia                  6.56%

Casamicciola Terme         22.34%

Forio                                    10.72%

Ischia                                      ?????

Lacco Ameno                     10.46%

Serrara Fontana              8.58%

 

 

 

 

 

europ

Top Ten dei peggiori alberghi…. come poteva mancare Ischia….

Nicola da Bologna gli ha fatto causa, Paolo lo definisce una bettola, Francy scrive “meglio la galera a questo villaggio” e Saby consiglia a tutti di evitarlo. Con cinquanta recensioni negative contro nove sufficienti il villaggio vacanze Porto Ainu di Budoni, in Sardegna, si aggiudica il primo posto nella classifica dei dieci alberghi più sporchi d’Italia del 2010. A decretare l’infamante vittoria sono, come avviene già da qualche anno, i numerosi iscritti al sito TripAdvisor: la più grande comunità di viaggi al mondo intorno alla quale si riuniscono persone che lasciano commenti, spesso accompagnati da foto, su trasporti, strutture alberghiere e mete visitate. Nasce così, grazie a numerose cavie da hotel, una delle classifiche più temute al mondo.Hotel Center 2. Buona ripresa per il primo, anche se l’84% dei clienti non lo consiglia; pessima performance invece per il secondo che, nonostante l’apprezzata posizione centrale, viene definito un hotel da tre stelle sporco e vergognoso per una città come Roma. Sconsigliato dal 76% dei clienti e con quindici giudizi pessimi, al sesto posto c’è il villaggio Gioca in Birdi di Aglientu, Sardegna, mentre al settimo con giudizi che vanno da “quasi pessimo” a “ complessivamente positivo, se parti preparato”, si piazza l’hotel Terme Parco Eco di Ischia.

Ottavo e nono posto spettano ad altre due strutture della capitale: l’hotel Rubino e il Park Hotel Blanc et Noir. Volete sapere secondo Steve di Los Angeles qual è la differenza tra dormire al Rubino e dormire in strada? Centoventi euro, ovvero il costo di una notte in doppia. Prezzi troppo alti, servizi scadenti, muffa e scarsa pulizia anche per l’altro hotel romano che viene sconsigliato dal 90% dei clienti che lo hanno recensito

Il viaggio negli inferi degli alberghi italiani inizia dalla Sardegna: “Siamo arrivati il 28 agosto presso la struttura di Porto Ainu – spiega sul sito l’utente Muxmus che insieme a moglie e bambini ha visitato l’hotel nel 2009 – l’impatto è stato forte: spazzatura sparsa per il villaggio, anche nei pressi del germinal club, le stanze puzzolenti di muffa con sanitari che non scaricavano bene, le prese della corrente erano scoperte”. Insomma, un vero incubo quasi al pari del secondo hotel classificato. Si tratta del Repubblica Hotel di Roma (al terzo posto nella classifica 2009) e anche qui per capire le condizioni basta lasciare la parola a chi dice di averci dormito. Olympia è tornata a Washington da pochi giorni dopo aver trascorso con la famiglia una vacanza nella capitale, dormendo proprio nel centrale hotel. “La cosa migliore – spiega – è il sito internet”. Per il resto è un tripudio di “vecchio”, “rotto” e “sporco”.

Al terzo posto si piazza La Pace Hotel di Tropea e anche qui i commenti non mancano: “vergognoso”, “da evitare”, “ orrore in hotel”, “andate dovunque ma non qui”. Contestati dai clienti sono soprattutto il rapporto qualità prezzo e la pulizia. Al quarto e quinto posto troviamo altri due hotel romani: uno, il Nizza, era stato il vincitore della classifica 2009 e l’altro è la new entry

calendarietti 2010

E’ in arrivo un calendario tutto ”made in Italy” con i volti e soprattutto i corpi delle donne e degli uomini più belli d’Italia. Il nuovo calendario 2010 della rivista Ecco infatti, avrà come testimonial i 12 uomini italiani e le 12 donne italiani più belli e hot.

Un calendario per tutti insomma, uomini e donne amanti dei calendari hot con scatti mozzafiato che ritraggono tra gli altri Miss Grand Prix Calcio, Miss Grand Prix Fitness, Miss Grand Prix Benessere, L’uomo Ideale D’Italia e il Volto più Bello d’Italia.

Tra i protagonisti abbiamo Maurizio Pizzagalli, Mister Italia. 21 anni, moro, 1,84 cm, studente di scienze motorie a Urbino. Obbiettivo: diventare un attore famoso. Stesso scopo anche per Carlotta Maggiorana, 1,74 cm, mora, è Miss Gran Prix. Ha solo 17 anni e frequenta ancora il liceo, ma prende già parte all’Accademia Nazionale di Danza classica e ha già girato un film con attori del calibro di Sean Penn e Brad Pitt, Tree of Life.

Gli scatti sono stati realizzati a Ischia, luogo perfetto per degli scatti dai panorami e dalle spiagge da sogno. Il calendario di Ecco mette in mostra bellezze maschili e femminili da tutte le regioni italiane risaltando così il bello nostrano a tutto tondo.

Oggi inizia il village… certo che tempo!

direttamente dal sito www.calide.it

Eccoci agli sgoccioli per l’inizio del Village Music Lab winter step 2009: domani 4 dicembre, partenza da Napoli alle ore 14:30 con traghetto Caremar, per cui il raduno è alle 14:00 al varco Porta Di Massa del molo Beverello. Per chi parte da Pozzuoli, l’appuntamento è alle 13:30 vicino l’imbarco con partenza alle 13:50.All’arrivo ad Ischia ci sarà un pullman per il trasporto all’hotel “Punta dl Sole”

Anche questa sezione invernale del master sarà presentato da Anna Cicalese, ideatrice del format televisivo del Village, mentre non è stata confermata la presenza di Gino Aprile, che è stato co-conduttore nel master di giugno insieme alla presentatrice; le interviste del backstage saranno affidate a Claudia Mercurio, valletta e presentatrice di Rete 4.
Alcune novità ve le abbiamo presentate già qualche settimana fa, con la designazione di Antonio Milazzo in qualità di direttore artistico (già coordinatore del progetto “RADAR” di RADIO ITALIA) che i partecipanti al Village di giugno ricorderanno in coppia con Massimo Cotto per conto di Radar. Anche quest’anno noi dell’agenzia “Arte-teca image & communication studio” supportiamo in qualità di partner l’evento, e saremo presenti ad Ischia anche per la realizzazione del servizio fotografico (chi fosse interessato ce lo faccia sapere in tempo!) e per il coordinamento generale. Avremo anche le telecamere di Rete A, per le riprese di tutto il master. Prestigiosa la scelta di quest’anno per la commissione giudicatrice che cresce sempre di più in qualità e competenza: ecco le presenze confermate:

Massimo Cotto – direttore di San Remo Lab 2009 e speaker di Radio Capital
Marcello Balestra – direttore artistico della casa discografica Warner
Stefano Profeta – produttore discografico e musicista
Alessandra Carnevali – scrittrice, autrice e giornalista del sito musicale festival.blogosfere.it
Pippo Kaballà – autore di Eros Ramazzotti, Antonella Ruggiero, Josh Groban e Carmen Consoli e che da sempre collabora con Mario Venuti
Claudia Cotti Zelati – vicedirettore artisticodel Festival di Castrocaro, autrice e compositrice per vari artisti italiani, tra cui Patty Pravo e Tony Esposito, specializzata in pop etnico.
Fabrizio Palma – maestro di canto nella trasmissione “Amici” di Maria De Filippi fino all’edizione 2009; collabora con i più importanti enti lirici e con molti artisti tra cui: Miguel Bosè,Anna Tatangelo, Renato Zero, Grazia Di Michele, Gigi D’Alessio, Dirotta su Cuba e Pino Daniele.
Sergio Cetrangolo – chitarrista jazz, consulente e membro della giuria del Festival di Castrocaro
Giuliano Farina – arrangiatore e direttore d’orchestra sez. napoletana
Teresa Cardace – docente di canto e tecniche di respirazione
Ospiti dell’evento:Francesca Rettondini, attrice televisiva che ha recitato a fianco di attori noti come Enrico montesano, Jerry Calà o con registi del calibro di Lina Wertmüller, Ettore Scola, Claudio Risi e Pingitore.
Massimo Galfano – cantante siciliano Massimo Galfano, che sta preparando una tournée in America e Inghilterra, si aggiungono quindi alla già prestigiosa lista di ospiti che interverranno alla manifestazione organizzata dal patron.

Dunque in bocca al lupo a tutti i partecipanti!