• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

Sempre insieme

Non potevo non scattare questa foto. Sarà forse un po’ fuori fuoco e lontanuccia, ma si comprende bene cosa vi è ritratto.

Una bici che va spedita sui basoli di Ischia Ponte e in un alloggiamento sulla ruota posteriore c’è lui, un bellissimo cagnolotto felice e spensierato.

Uomo e cane, sempre insieme, come solo i veri e sinceri amici fanno.

IMG_20140907_113030

Annunci

Accontentarsi

ovvio, sì é ovvio. Ci si costruisce una rete di affetti, di amicizie, di piccole cose che ti fanno sentire “a casa”. Una struttura che non puo’ essere considerata solida, ma che ha bisogno di essere confermata passo dopo passo. E’ così che poi nasce il bisogno di sentirsi dire almeno un “ciao , anche solo una cosa che somiglia lontanamente ad un ciao. E quando questo non arriva, si puo’ attendere un po’ di tempo, ma poi si rimane inevitabilmente male. Male anche perché si conoscono le abitudini degli altri e non si comprende il perché del taglio. Ma si va avanti, consolidando la prassi. Rimanendoci comunque male.

labi

Riprendersi quello che si è

Non è un errore, è volutamente così: ci si riprendere quello che si è. Si ritorna ad essere sé stessi, quel sè troppe volte modificato e riposto, quel sè adattato alle curve della vita, che portano non si sa dove, ma fin troppo spesso lontano da dove è partita. E ci sono momenti in cui non si sa più cosa si è, se la strada che si sta percorrendo è quella giusta o meno… molti la chiamano crisi di mezza età. No, non è così: è fermarsi e considerare dove si è, il cammino fatto e dove si sta andando. E’ la maturità che torna ad emergere. E’ la sicurezza in sé stessi.

Finchè qualcuno crede in te e lo dimostra, ci si riprende quello che si è. Senza indugi, non si perde tempo.

 

E poi quando ci si sente

 

 

My average everyday SuperHero

I modelli da seguire affascinano e passano. Di modelli oggi, nell’etereo della societa’ che brucia veloce miti e riti, non ve ne sono di reali. Piu’ che modelli sono mode del momento, mode legate nemmeno all’eta’. Mode e basta.
E allora si cerca di raccogliere pezzi qua e là, di applicarli alla propria vita. Se si riesce si cercano amici (non quelli cliccabili sui social, ma quelli veri) che condividono le idee, che sognano con te ad occhi aperti andando contro le facili limitazioni poste ai sognatori. E ce la si fa. Si costruisce, si procede, capita di fermarsi e sbattere contro un muro, ma insieme ci si rialza.
Patti chiari amicizia lunga? Sì, é esattamente così. Sempre che le parti siano d’accordo… 

Poi mi si chiede perche’ preferisco Batman e Batgirl… 

image

Dacula

image

Avere le idee chiare. Anzi, no. Credere di avere le idee chiare. Quando si e’ piccoli, ci si guarda intorno, si cerca, si sperimenta, si sbaglia, si riparte.
Il Conte Dacula e’ emblematico: un papero vampiro particolar, creato dalle fervide menti inglesi e del quale riscopro, giorno dopo giorno, alcuni tratti che ho interiorizzato .
Ognuno interpreta l’ambiente che lo circonda in modi diversi, prendendone spunto.
Sapere fin da piccoli cosa di vuol fare per il resto della propria vita. Nessuna presunzione, desideri concreti e tanta forza di volonta’. Realizzare anche solo in parte i propri sogni. Essere soddisfatti dei gradini che riusciamo a salire. Nonostante tutto quello che accade attorno a noi. Nostante i comportamenti delle persone.
Se si ha la fortuna di avere dei veri amici, la predisposizione a cogliere le opportunita’ che la vita offre lungo il nostro cammino aumenta, una sorta di ‘iniezione di positiva voglia di fare’.
Amici e sogni che si realizzano anche se lentamente… un mix che ognuno dovrebbe riuscire a vivere.

Amici 9 la finale

Il vincitore di “Amici 9” sarà un cantante (ma dalla prossima edizione ci sarà un vincitore per la categoria cantanti e uno per la danza)  Chi sarà??? lo scopriremo questa sera dalle ore 21,15 su CAnale 5 nell’attesissima finale di AMici condotta da Maria De Filippi. Eliminato durante la semifinale Stefano, l’ultimo ballerino rimasto, i quattro cantanti finalisti Emma, Pierdavide, Matteo e Loredana si contendono la sfida decisiva magari già sognando Sanremo 2011.
E voi chi volete che vinca i 200mila euro in gettoni d’oro e il premio della critica???

Amici 9….. il mistero di Davide!

Guardando la sonnacchiosa puntata di oggi del programma “talent” di Maria de Filippi, l’unica cosa che ha attirato la mia attenzione è stata il cartello muto “il concorrente davide flauto è uscito dalla scuola per motivi familiari”.. ma cosa sarà successo?

In internet le voci si susseguono… ritiro strategico, mossa per incrementare gli ascolti…. malanni e crisi varie….

i siti riportano: Si parla di una crisi respiratoria o un simil-infarto che sarebbe causato dal troppo stress a cui era sottoposto il cantante. Altre fonti dicono sia uscito per colpa di un lutto familiare..
Spero non sia nulla di così grave per un ragazzo così giovane…
domani sapremo cosa è successo!!!!!!