• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

TaTa….tadààààà

È una notizia ufficiale a comunicare che, dopo mille controversie, l’auto indiana Tata Nano, sarà in vendita a breve. Il debutto in India infatti, era stato previsto per lo scorso ottobre, ma imprevisti quali la crisi economica, che ha investito la società mamma di Tata, ha rallentato il processo d’avvio sul mercato. Tata Nano è meglio nota come “People Car”, ovvero la macchina più economica del pianeta e per di più a basso impatto ambientale. Costa circa 1900 euro. Questa novità conveniente ben presto dall’India si diffonderà anche in Europa e da qui anche negli Stati Uniti. Il patron della società indiana, Ratan Tata ha elaborato una versione del prodotto che rispetti le norme europee a livello di inquinamento e sicurezza e raggiunga un prezzo pari a 5000 euro. Tuttavia il punto forte del mercato, per ora, sostiene Tata, vuole essere il panorama indiano. Chissà come reagirà il mercato delle piccole utilitarie!!

Hey You…

AMBIENTE:EARTH DAY;4 MILA EVENTI PER SALVARE LA TERRA

e anche Google e YouTube cambiano per oggi il loro logo

ROMA – Scatta in tutto il mondo la Giornata della Terra edizione 2008. Da New York a Tokyo, da San Francisco a Caracas, da Mosca a Barcellona, passando anche per Roma, il Pianeta conoscerà 24 ore di mobilitazione internazionale per fermare i cambiamenti climatici e restituire alla Terra i suoi polmoni verdi. E lo farà in tanti modi diversi con quasi 4mila eventi già in rubrica sparsi in 174 paesi. A tenere le fila della manifestazione in tutto il mondo sarà l’Earth Day Network, la rete fondata quasi 40 anni fa da Gaylord Nelson, senatore democratico del Wisconsin e organizzatore della prima grande manifestazione per la Terra, che risale al 22 aprile 1970. Questa edizione della Giornata avrà come leit motiv una mobilitazione telefonica: “The Call for Climate”. Gli organizzatori invitano i visitatori del sito e i partecipanti agli eventi Earth Day a telefonare ai propri governanti e parlamentari, per spronarli a “mettere in atto leggi rigorose e giuste sui cambiamenti climatici”. Per l’Italia è riportato il numero di telefono della Camera dei Deputati (06-67601).

Nei soli Stati Uniti d’America l’obiettivo degli attivisti dell’Earth Day è quello di generare un milione di telefonate al Congresso. A Roma, in piazza del Campidoglio, è previsto per le 20 un concerto “a impatto zero” con Vinicio Capossela, Sud Sound System e Cesaria Evora tra i principali protagonisti. Impegnato per l’Earth Day anche Lorenzo “Jovanotti”, che è intervenuto dalla prima pagina del quotidiano La Repubblica, invitando tutti a fare qualcosa per “rispettare l’ambiente nei piccoli gesti quotidiani”. Il cantautore toscano sarà inoltre in tv alle 20.40 su Sky Cinema Mania con un’intervista dedicata ai temi dell’ambiente che sarà introdotta dalle note di “Aria non sei più tu”, brano ecologista scritto dallo stesso Jovanotti e interpretato da Adriano Celentano.

Sempre in Italia, per l’occasione, Wwf e Greenpeace hanno lanciato uno spot prodotto da Mediaset, dal titolo “Concentra l’energia in gesti intelligenti”, in onda a partire fino a sabato 26 aprile. Lo spot mostra come, attraverso semplici abitudini quotidiane, si possa ridurre il consumo globale delle risorse, mettendo in particolare rilievo i piccoli gesti domestici che possono fare la differenza: spegnere la luce quando si esce da una stanza; non lasciare rubinetti aperti; preferire la doccia al bagno per risparmiare fino a 100 litri d’acqua; non bollire l’acqua più del necessario; non lasciare elettrodomestici in stand-by; preferire lavaggi a pieno carico.

Anche la politica discute di Earth Day: Ermete Realacci del Pd afferma che “la battaglia contro i mutamenti climatici deve rimanere una priorità per il nostro Paese” e invita a “non disperdere il lavoro fatto”, mentre Benedetto Della Vedova del Pdl ritiene prioritario “smontare i teoremi ideologici della sinistra” contro “l’innovazione scientifica, il progresso tecnologico e la modernizzazione produttiva”. In linea generale l’Sos Terra va dal clima alla biodiversità. Ecco le tappe dell’emergenza secondo quanto è stato tracciato nell’ultimo rapporto del panel intergovernativo dell’Onu sui cambiamenti climatici (Ipcc), l’istituto che ha ricevuto il Premio Nobel:

TEMPERATURE: il riscaldamento del clima terrestre globale è inequivocabile, come comprovato da varie osservazioni. Gli esperti parlano di una previsione di aumento della temperatura globale tra 1,8 e 4 gradi che, però, potrebbe raggiungere anche i 6,4 gradi entro il presente secolo; – IMPATTI CLIMA: ondate migratorie di milioni di persone che soffriranno sete e fame, estinzione del 30% delle specie animali e vegetali, riduzione di circa il 70% dei grandi ghiacciai, con un aumento del rischio di mortalità legato al caldo mentre epidemie come la malaria si estenderanno anche a zone non tropicali. – MISURE: i prossimi 20-30 anni saranno cruciali per il Pianeta, che dovrà ridurre a partire dal 2015 le emissioni di gas serra per contenere l’aumento di temperatura intorno a 2-2,4 gradi.

Cippi in missione “Global Warming”

Grandiosa inventiva dei pubblicitari della “Air Vigorsol”. Dopo l’aver trasformato nell’eroe della foresta il piccolo scoiattolino dai peti surgelanti, da pochi giorni in tv gira il nuovissimo spot in abbinamento al WWF.

Il nuovo episodio ritrae Cippi su di una imbarcazioncina (in vero stile Jack Sparrow acnhe per via della musica) che si avvicina all’antartico dove vede tre pinguini e un pulcino (sempre di pinguino e se no che ci azzeccava) in bilico sull’ultimo pezzetto di ghiaccio….

Lesto lancia tre confetti “air” ai pinguini e miratel….. iniziano ad arieggiare (tanto che il pulcino quasi vola via se non fosse per uno dei tre che lo prende al volo) e a creare una calotta ghiacciata che diventerà poi (nell’ipebole publbcitaria) una montagna enorme che sovrasta il mondo intero…. e il tutto termina con cippi che soddifatto fa l’occhiolino in camera e va via verso nuove ed entusiasmanti avventure…

In Italia lo spot (finalmente non censurato o almeno per ora non lo è stato) termina con in sovraimprssione il logo del WWF e la scritta “Air Vigorsol e WWF insieme contro il Global Warming” (cioè il senso è questo ma non ricordo perfettamente le parole) ed inoltre come pay-off c’è proprio il sito di riferimento per schierarsi con il WWF (che potete visitare cliccando qui)  ; mentre in America non c’è alcun riferimento a una qualsivoglia campagna ambientalista, quando lo spot chiaramente lo è! Sembra che negli States si siano solo limitati a cavalcare l’onda dei successi dei pinguinie dei pirati per attirare il pubblico, e non abbiano puntato sull’ambiente…. mah!!!!!!

E arriva «Biutiful Cauntri»

Un documentario sull’emergenza munnezza in Campania

                           
(ANSA) – ROMA – Dal 7 marzo sarà nelle sale “Biutiful Cauntri”, documentario dedicato all’emergenza rifiuti in Campania. Il film non fiction, menzione speciale all’ultimo Torino Film Festival, e’ diretto da Andrea D’Ambrosio, regista insieme a Esmeralda Calabria e Peppe Ruggiero e viene distribuito da Lumiere & Co. ‘I rifiuti in Campania sono una metafora della pattumiera politica, culturale e sociale che e’ diventata il Paese’, afferma D’Ambrosio.

Ma le cose stanno migliorando… molte zone non sono immerse nella spazzatura. e’ fin troppo facile dire che tutto è pieno di rifiuti. Non è vero. Venite a farvi un giro a Napoli centro o sulle isole (magari Ischia ?!?!) e troverete la normalità di sempre.

Inizia l’incubo buste differenziate

Ho appena ricevuto dalle mani di un simpaticissimo e gentile ragazzo di Ischia Ambiente il kit per la raccolta differenziata.

Allora ho avuto un cestino con dentro:

la busta gialla  per la plastica

la busta bianca per l’organica riciclabile

la busta blu per carta e cartoni non unti

poi devo usare una mia busta per l’organico non riciclabile

inoltre mi hanno lasciato una guida e un calendario con i giorni di conferimento

e poi l’alluminio, vetro e metalli li devo conferire nei cassonetti per strada

                      kit.jpg                                              kit2.jpg

Se ho da buttare cose ingombranti devo chiamare il numero verde e loro se le vengono a prendere.

Gli orari di consegna sono dalle 07.00 alle 09.00 in diversi giorni ed è una raccolta porta  a porta.

 Beh, che dire!  Inizia l’incubo buste colorate e inizieranno i primi litigi in casa su dove buttare cosa e quando…

Ma finalmente si inizia con la differenziata!! Holé!!!