• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

The Goonies – 30 anni di capolavoro

image

E’ un film splendido, ricco di dettagli, inventiva, rievocazioni e tanto tanto altro ancora.
Ha segnato la mia adolescenza, come quella di molti altri.
Astoria e’ una icona perfetta.
Spielberg. Genio.
E non potevo non avere il dvd e il libro pubblicato in occasione dell’uscita del fiilm stesso.
Mito

Imagine Dragons unplagged

image

Meravigliosa esibizione unplagged Demons e I bet my life
stupenda musica live

L’incontrollabile bisogno di scrivere

B7ate7lIYAAu3s5

 

 

The first draft is just you telling yourself the story. TERRY PRATCHETT

Fotografie da DogOwners

image

Frank Sinatra che gioca a carte con il proprio cane. Foto carinissima.

Grab it

Non bisogna mai fermarsi: correre e continuare a correre.Andare oltre gli ostacoli che si trovano sul proprio cammino, avere chiari gli obiettivi da raggiungere e continuare, nonostante tutto.
Io senza scrivere non ci so stare, sono paziente e capace di creare piccoli spazi autonomi, ma a volte non basta.
Essere una singolarità messa a sistema e’ l’obiettivo raggiunto e da mantenere con tutte le forze. Grab it!

image

Autori e cani: giochi di parole a 4 zampe

Quando scegliamo il nome del proprio cagnolone, ci pensiamo molto e cerchiamo di rievocare immagini e personalità per noi piacevoli… ma se invece giocassimo con i nomi di alcuni autori letterari e creassimo una versione canina di loro?

Ci hanno pensato in America, con dei risultati divertentissimi

wooof

Tug of War – essere e non essere contesi

tugofwarTug of war, il tiro alla fune, era uno sport olimpico. Sì, le nazioni si sfidavano in questo che è uno sport di forza e di intelligenza. Giusto dosaggio di pesi, di forze, di leve e di “peso”.

Una metafora della vita. Certo, tutto può e deve essere interpretato così… ci sono sempre tante forze in gioco che tirano in sensi opposti.

Le menti sono troppo spesso chiuse e la ristrettezza delle visioni scatena delle reazioni strane che hanno ripercussioni non controllabili.

E’ così che chi è apertamente schierato non viene preso in considerazione, chi è schierato solo “di facciata” viene conteso. Purtroppo conta la visibilità, stupidamente chi vorrebbe vincere il tiro alla fune lo fa nel modo sbagliato ferendo chi si schiera al suo fianco incondizionatamente, chi non sventola ai quattro venti i contatti che ha quotidianamente per cambiare schieramento e far vincere l’atro nel tiro alla fune. Questo perchè i piloni non cambiano idea, e quando lo fanno dopo aver subito troppo, vengono allontanati in un millesimo di secondo, senza pensarci su.

Nella foga cieca e stupida del tiro alla fune, nel fango e nella fatica, le interpretazioni cambiano. E’ un gioco di squadra, tutti contano allo stesso modo. Il capitano è fondamentale, ma deve fidarsi di tutti e deve dimostrare di fidarsi in toto di quella persona.

Nel tempo ognuno vien fuori per quello che è. Chissà se se ne renderà mai conto.

 

 

Nulla è davvero ciò che sembra

givemeMi è capitato di vedere questo video e, devo essere sincera, ad una prima visione non mi aveva entusiasmata. Ero distratta da mille altre cose. Poi l’ho rivisto, e ne ho colti i tratti fondamentali, le sfumature (secondo la mia interpretazione) e mi ha piacevolmente colpita.

Tutti attraversano una fase così, un po’ strana. E gli amici non servono a nulla. La scossa deve arrivare da sé stessi e arriva quando non la cerchi più.

Voglio assaggiare il sapore che le tue labbra mi permettono di sentire. E’ la vita. I baci si chiedono e si danno. Si è attori principali nelle storie degli altri, si è comparse nella propria prima di invertire il tutto.

 

 

 

L’importante è muoversi

Sì, è così. Nessun giro di parole. Si guarda indietro, si guarda avanti, si corre.

Anche se sembra che si stia correndo nella direzione sbagliata, sembra che ci si allontani dalle cose… non è così. Magari si sta solo facendo un giro un po’ più lungo. Una forma di protezione compresa solo da chi davvero si vuol bene.

 

 

 

scrivere

Non e’ uguale per tutti, come e’ giusto che sia. Siamo tutti diversi ed e’ la bellezza del genere umano sano.
Ognuno ha un approccio diverso alle passioni, alla vita e al mondo.
Oggi mi sono ritrovata piu’ volte a pensare a come era l’odore della macchina per scrivere, quel nastro che ti ombrava le dita, il cambio per cambiare colore, le levette per andare accapo, i fogliettini per fare le correzioni.
Un mondo stupendo, meraviglioso, un mondo in cui sono cresciuta e mi sono evoluta, ho preso coscienza delle mie passioni, dei miei amori e della mia vita. Spostando quella valigetta pesante con la typewriter dentro, mi sentivo gia’ grande.
E le mie dita non hanno piu’ lasciato una tastiera, sia essa fisica o virtuale. Non hanno mai tradito la passione che sta alla base di tutto.
Si sogna ad occhi aperti, perche’ i veri sognatori non dormono mai.
E’ vero. Non si dorme, si lavora, si pensa, si condivide.. ecco un punto fondamentale. Si condivide perche’ si ha la fortuna di trovare qualcuno che ci capisce, ci comprende e vive allo stesso modo.
I ritmi del cuore vanno necessariamente assieme ai ritmi della passione…
Si va avanti e si costruisce ancora, non si vuole mai smettere.
L’incontenibile bisogno di scrivere, questo il sottotitolo del mio blog. Questa e’ la vita che ho scelto tra tante.
E sono pronta a rifere le stesse scelte, i segni restano indelebili sulla pelle e sull’anima.

Mi sento a casa.

image