• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

Tug of War – essere e non essere contesi

tugofwarTug of war, il tiro alla fune, era uno sport olimpico. Sì, le nazioni si sfidavano in questo che è uno sport di forza e di intelligenza. Giusto dosaggio di pesi, di forze, di leve e di “peso”.

Una metafora della vita. Certo, tutto può e deve essere interpretato così… ci sono sempre tante forze in gioco che tirano in sensi opposti.

Le menti sono troppo spesso chiuse e la ristrettezza delle visioni scatena delle reazioni strane che hanno ripercussioni non controllabili.

E’ così che chi è apertamente schierato non viene preso in considerazione, chi è schierato solo “di facciata” viene conteso. Purtroppo conta la visibilità, stupidamente chi vorrebbe vincere il tiro alla fune lo fa nel modo sbagliato ferendo chi si schiera al suo fianco incondizionatamente, chi non sventola ai quattro venti i contatti che ha quotidianamente per cambiare schieramento e far vincere l’atro nel tiro alla fune. Questo perchè i piloni non cambiano idea, e quando lo fanno dopo aver subito troppo, vengono allontanati in un millesimo di secondo, senza pensarci su.

Nella foga cieca e stupida del tiro alla fune, nel fango e nella fatica, le interpretazioni cambiano. E’ un gioco di squadra, tutti contano allo stesso modo. Il capitano è fondamentale, ma deve fidarsi di tutti e deve dimostrare di fidarsi in toto di quella persona.

Nel tempo ognuno vien fuori per quello che è. Chissà se se ne renderà mai conto.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: