• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

NO COMMENT

Preparate i fazzoletti 

La notizia-choc sta rimbalzando sui siti internazionali di gossip e non può certo lasciare noi indifferenti: sembra che Johnny Depp abbia lasciato la compagna Vanessa Paradis per finire tra le braccia di Keira Knightley. Le indiscrezioni su un flirt tra il protagonista di “Pirati dei Caraibi” e la sua collega britannica, che Starlounge aveva segnalato alcune settimane fa, erano evidentemente fondate.

La passione tra le due star sarebbe esplosa proprio sul set del film su Jack Sparrow. Keira, benché fidanzata da tempo con Rupert Friend, non ha mai fatto mistero della sua attrazione per Johnny e durante le riprese della pellicola ha fatto di tutto per far inserire al regista la scena di un bacio con il sexy-pirata.

Da quell’episodio, poi, sono seguiti i noti sviluppi: Depp si è reso conto di ricambiare il sentimento di Keira e alla fine ha detto addio alla sua compagna di una vita, Vanessa Paradis, con la quale ha avuto tre bambini e che era in procinto di sposare. Questa, almeno, è la versione al momento più accreditata dai professionisti del pettegolezzo, che danno l’attore già fuori di casa, tra le braccia della androgina inglesina.

IL SENSO INGLESE DELLO HUMOUR? SI TROVA NEL DNA

A differenza degli americani, geneticamente limitati alla scherzosità più innocente e gioviale

Negli inglesi il feroce e surreale senso dello humour, il gusto della battuta sarcastica e la capacità di autodeprecazione sono caratteristiche innate: stanno nel profondo del loro dna. A differenza degli americani, geneticamente limitati alla scherzosità più innocente e gioviale. La scoperta, riportata oggi con risalto dal domenicale ‘Independent on Sunday’, è stata fatta all’università canadese dello Western Ontario analizzando il senso dello humour in duemila gemelli inglesi e in altrettanti gemelli americani. Negli Stati Uniti la tendenza al sarcasmo sembra soprattutto associata, per quel poco che viene praticata, al contesto familiare in cui si cresce. In Inghilterra invece esiste in apparenza una solida “base genetica” che spiega il debole per l’umorismo negativo, aggressivo, mordente. Benché si considerino portatori di un senso dello humour più intelligente rispetto ai cugini di oltre Atlantico, gli inglesi non hanno però molte ragioni per andar fieri della ‘scoperta’ appena fatta in Canada: sarcasmo, autodeprecasione, umorismo sferzante sono infatti associati a tratti nevrotici di personalità, a problemi di depressione e ansia.  

Londra realizza macchina fotografica che “vede” sotto i vestiti

Una società britannica ha prodotto una macchina fotografica che può rintracciare armi, droga o esplosivi nascosti sotto i vestiti delle persone da una distanza fino a 25 metri, in quella che potrebbe essere una svolta nel settore industriale della sicurezza.

La macchina fotografica T5000, creata dalla ThruVision, usa quella che la società definisce “tecnologia di rappresentazione passiva” per identificare oggetti attraverso i raggi elettromagnetici naturali — conosciuti come Terahertz or T-rays — emessi.

La macchina fotografica ad alto potenziale può scovare oggetti nascosti a distanza e funziona anche quando le persone sono in movimento. Non rivela dettagli fisici dei corpi e venire sottoposti al suo “sguardo” non è dannoso, secondo quel che riferisce l’azienda.

La tecnologia, che ha applicazioni militari e civili e potrebbe essere usata in aeroporti affollati, in centri commerciali o a eventi sportivi, verrà presentata a una esposizione scientifica patrocinata dall’Home Office britannico il 12 e 13 marzo.