• Per contattarmi

    Per contattare l'autrice di questo Slurmissimo blog vi basta lasciare un post in bacheca :-) grunkalunka.jpg Ps. Lasciate i cesti doni all'ingresso saranno ritirati da GrunkaLunka
  • Homer Philosofy

    crossover_homer_bender_th.jpg
  • Lo squalo – Spielberg’s Jaws

    royscheider.jpg
  • Gonzo Reporter – My favourite Muppet

    Gonzo Reporter
  • O SSAJE COMM FA O CORE

    Tu stiv 'nziem a nat, je te guardajie/ e primma e da 'o tiemp all'uocchie pe sa nnammurà/ già s'era fatt annanz o core: "A ME, A ME!" .../ o ssaje comm fa o' core quann s'é nnammurat!/ Tu stiv nziem a mme, je te guardav e me ricev:/ "Ma comm sarrà succiess, ch'è frnut? Ma io nun m'arrend, ci voglio pruvà!"/ pò se facette annanze o core e me ricette: "vuò pruvà? E pruov, je me ne vac..."/ o ssaje comm fa o core quann s'è sbagliat...! MASSIMO TROISI

Robbie Williams tramite dei marziani

Gli alieni “coinvolti” nella morte di Diana

Stranezze da…star! Robbie Williams è convinto che il pianeta Marte pulluli di alieni, che, ogni notte, entrano nei suoi sogni. Ma non finisce qui. La popstar è talmente convinta dell’esistenza dei marziani, da aver elargito consistenti fondi alla Nasa per approfondire le ricerche in merito. E al “Daily Star”, il visionario Robbie ha dichiarato convinto: “Nel 2012 li troveremo o loro scoveranno noi. Ricordate questa data”.

Probabilmente all’ex Take That le stramberie sul palcoscenico non bastano più, o, forse, l’ormai prolungata condizione di single l’ha portato a costruirsi degli amici immaginari.

Fatto sta che ora Williams gioca a vestire i panni del veggente, incontrando nei suoi sogni notturni dei fantomatici abitanti del Pianeta Rosso, coi quali avrebbe un consistente scambio di opinioni. Robbie è così convinto nella sua abilità visionaria da non veder l’ora di coricarsi, per poter interagire con i piccoli ometti verdi.  Per ora la popstar riesce a stabilire solo un contatto virtuale, ma sta facendo di tutto perchè terrestri e marziani possano “stringersi la mano”. E così, ha versato cifre astronomiche del suo florido patrimonio agli scienziati della Nasa affinchè possano, al più presto, far luce sulle forme di vita esistenti su Marte.

Per il cantante 34enne, questa è ormai una missione di vita. E’ addirittura prevista la sua partecipazione ad un convegno tematico al  “New York’s Goddard Space Flight Centre“, dove si discuterà di una foto scattata di recente dall’istituto spaziale americano, raffigurante  una presunta forma di vita dall’aspetto umano.  Ma per eventuali rivelazioni-shock si dovranno aspettare  gli sviluppi della convention. Robbie è sicuro che lo scatto sia realistico: “Vedrete ragazzi, ci incontreremo entro il 20012”, ha rivelato profeticamente Robbie, sostenuto anche dall’amico David Icke, tra i principali finanziatori del progetto di studio sugli alieni. I quali avrebbero numerose responsabilità negli eventi che hanno sconvolto il nostro Pianeta, come la morte di Lady Diana.

James Bond in utilitaria

Basta litigare con il GPS incapace di intendere e di volere

Arriva il primo navigatore dotato di quoziente d’intelligenza, capace di portare anche l’automobilista più sprovveduto a destinazione nel più breve tempo possibile. Si tratta del nuovo TomTom Go dotato di una tecnologia chiamata IQ Rutes: un sistema rivoluzionario realizzato sulla base di un progetto supersegreto chiamato Cayman che, negli ultimi 18 mesi, ha letteralmente analizzato i flussi di tutte le strade d’Europa attraverso 500 milioni di segnalazioni quotidiane realizzate da oltre 4 milioni di automobilisti. Un totale di 10miliardi di chilometri verificati metro per metro in ogni ora del giorno e della notte, per tutti i giorni della settimana.

Il risultato? Un navigatore in perfetto stile Agente 007 in grado di determinare in tempo reale la scelta del percorso più rapido. Insomma, tutti i trucchi, le scorciatoie e i percorsi migliori per evitare gli ingorghi, i mercati, i blocchi della circolazione, le uscite dalle scuole, i flussi dei pendolari del fine settimana e persino repentini cambiamenti dei sensi unici, per districarsi senza problemi nel traffico della circonvallazione milanese all’ora di punta, negli ingorghi della capitale e persino tra le strade e i vicoli di Napoli. Meno stress, meno tempo passato in macchina e percorsi più veloci, per risparmiare non solo tempo, denaro e benzina.

E rivoluzione anche per i trasporti pubblici 

Ora scende in campo anche Google, con una nuova iniziativa lanciata in Italia (la prima attivata in Europa) battezzata Google Transit.

Si basa su un altro servizio del colosso americano, Google Maps, e consente di creare percorsi che intrecciano vari mezzi dei trasporto, dai tram ai treni agli autobus fino alla metropolitana, fornendo orari e mappe dedicate.

Transit viene fornito grazie a partnership con gli enti locali e i fornitori interessati, che prevedono anche integrazioni tecnologiche. Attualmente sono in particolare stati stretti accordi sulla Provincia di Firenze (area metropolitana fiorentina, zone del Mugello-Val di Sieve e del Chianti-Valdarno) e sul Comune di Torino (attraverso GTT – Gruppo Torinese Trasporti), mente più avanti è prevista anche l’attivazione di Transit su Genova e in Veneto. Il servizio, gratuito per utenti e operatori, è raggiungibile da questo indirizzo http://www.google.it/transit